Gli Gnocchi alla Sorrentina

0

È un piacere riunirsi per mangiare con parenti, amici e persone che ancora non si conoscono. Di solito la domenica ci si riunisce non solo con i componenti della propria famiglia ma anche con altri parenti (nonni, zii, cugini, nipoti) per consumare insieme un pasto che ha qualcosa in più rispetto al solito, per quantità, qualità e, talvolta, difficoltà nella fase della preparazione. A Napoli è tradizione mangiare la pasta al ragù la domenica come primo piatto: rigatoni, pasta all’uovo, paccheri, fusilli etc. Si tratta di piatti squisiti che per essere preparati richiedono parecchie ore e che soddisfano tutti grandi e piccoli. Ma c’è un’alternativa altrettanto allettante a questa pietanza: gli gnocchi alla sorrentina.

 

LA RICETTA

Si tratta sempre di un primo piatto fatto a base di gnocchi di patate (che possono essere comprati in un pastificio o al supermercato, ma meglio se fatti in casa), salsa di pomodoro e mozzarella (meglio se di bufala). Si fanno bollire prima gli gnocchi in una pentola, poi quando sono cotti si condiscono con sugo di pomodoro bollente e, infine, si aggiunge della mozzarella tagliata a pezzi, che diventerà filante, e del basilico. Si serve la pietanza in un piatto (o più tradizionalmente in un tegame di terracotta chiamato pignatiello) e si può aggiungere a piacere del parmigiano e anche del pepe.

 

LE VARIANTI

È possibile cucinare gli gnocchi senza utilizzare la salsa di pomodoro e, quindi, servirli in bianco. Si può utilizzare della besciamella (fermo restando il parmigiano e il pepe) e, magari, aggiungere funghi e prosciutto cotto.

 

IMPORTANZA DI SCEGLIERE INGREDIENTI DI QUALITÀ’

Abbiamo visto quali sono gli ingredienti necessari per preparare gli gnocchi alla sorrentina. Ma tra poco scopriremo che per fare una pietanza di qualità è bene scegliere con cura le componenti di questo piatto. Tanto per cominciare è bene preferire gli gnocchi del pastificio a quelli del supermercato in busta, ne va della freschezza del prodotto. La mozzarella sarebbe importante se fosse di qualità: magari quella di Aversa o di Battipaglia darebbero una marcia in più. Il parmigiano sarebbe ottimo quello reggiano o grana padano.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.